Paolo Cavanna

Il fotografo con un punto di vista differente.foto_bio

 

Paolo Cavanna nasce a Genova nel 1972 e fin da ragazzino è affascinato tanto dalla fotografia quanto dalla cultura dell’inquietudine e del mistero. Tentando di analizzare e carpire i lati oscuri dell’animo umano, sviluppa diversi temi fotografici, tra cui:

WORRYING (2010) un omaggio al mondo dell’horror;
HUMAN PUPPETS (2012) rappresentazione della forma di controllo sul proprio io,
BAD PINK (2013-2014) in cui sotto una maschera di maiale si cela la rappresentazione della malvagità;
CRAZY THEATER (2014) rivisitazione onirica e decadente della vita in un manicomio abbandonato;
SUPERHERWAS (2015) in un mondo che non ha più valori, i supereroi gettano la spugna.

Paolo Cavanna ha lavorato come art director e fotografo dal 1998 al 2004 a Milano, collaborando con svariate agenzie pubblicitarie e dal 2004 vive ed opera a Bologna.

Diverse pubblicazioni online e cartacee hanno parlato delle sue opere fotografiche e del suo sguardo particolare, differente.
Nel 2012 la rivista di fotografia D&N di ADM Editore (Milano) ha pubblicato una sua intervista e alcune opere fotografiche, dedicandogli 4 pagine nello spazio “L’ospite” sul numero 14. Sempre dallo stesso editore, sono state pubblicate altre fotografie di Paolo Cavanna sull’antologia annuale NEL BUIO, uscita a dicembre sotto forma di e-book.
Nel 2014 il prestigioso sito  di fotografia e grafica TOTAL-PHOTOSHOP ha pubblicato una  sua video intervista  e un articolo scritto su di lui, dal titolo “Paolo Cavanna: il fotografo che regala un punto di vista differente”.

Nel 2011, il fotografo Paolo Cavanna espone con una personale al Praga Cafè di Bologna

Nel 2013, National Geographic lo contatta per la pubblicazione di una foto scattata durante un reportage a Londra.

Nel 2014, viene invitato ad esporre allo Steamstation di Bologna, in occasione dell’evento 2P-Arty.

Nel 2015 espone una mostra personale a Budrio (Bologna)

Nel 2017 il numero di marzo della rivista Kel12 Magazine (Miano) pubblica la copertina con una sua foto tratta dal reportage di viaggio in Madagascar, gli dedica sei pagine all’interno con foto tratte dallo stesso viaggio e pubblica una ulteriore pagina con una sua intervista.

 

Paolo Cavanna was born in Genoa in 1972 and from an early age was fascinated by photography as much as the culture of restlessness and mystery. Trying to analyze and unravel the dark side of the human soul , develops various photographic themes , including:

WORRYING (2010) a tribute to the world of horror;
HUMAN PUPPETS (2012) representation of the form of control over one’s self;
BAD PINK (2013-2014) where under a mask of pig hides the representation of evil;
CRAZY THEATER (2014) onyric reinterpretation of the decadent life in an abandoned asylum;
SUPERHERWAS (2015) In a world that has no ideals, superheroes surrender.

Paolo Cavanna has worked as an art director and photographer from 1998 to 2004 in Milan, collaborating with various advertising agencies and since 2004 lives and works in Bologna.

Several online publications have spoken of his photographic works and its particular look, different.
In 2012, the photography magazine D&N ADM Editore (Milan) has published an interview with him and some photographic works, dedicating four pages in the “The Host” on number 14. Always by the same publisher, and published more pictures of Paolo Cavanna annual iN THE DARK anthology, out in December in the form of e-books.
In 2014 the prestigious site of photography and graphics TOTAL-PHOTOSHOP published his video interview and an article written about him, titled “Paolo Cavanna: the photographer that gives a different point of view.”

In 2011, the photographer Paolo Cavanna sets out with a solo show at Cafe Prague Bologna.

In 2013, National Geographic the release requires the publication of a picture taken during a reportage in London.

In 2014, he was invited to exhibit at the Steamstation of Bologna , on the occasion of the event 2P-Arty.

In 2015 he exhibited a solo in Budrio (Bologna)

In 2017 the March of Kel12 Magazine (Miano) publishes the cover photo taken from the reportage of Madagascar, six pages inside with pictures taken from the same journey and publishes a further page with a Paolo Cavanna’s interview .